Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Cavatappi "nucleare"

Cavatappi "nucleare" 6 Anni 11 Mesi fa #95

  • GiovE
  • Avatar di GiovE
  • OFFLINE
  • bicicletta
  • Messaggi: 76
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 1
Non resisto devo proprio cominciare questa discussione....
eccomi qui perché nei volantini delle offerte e persino in Tivvu'  in questi giorni è apparso un articolo che mi ha fatto rabbrividire, per dirlo alla Cattivik

:-   Brivido, terrore, raccapriccio!!!
Magie del marketing natalizio, insomma l'avvitatore elettrico con l'aggiunta "dell'utensile" atto alla rimozione dei tappi in sughero dalle bottiglie di succo d'uva fermentato...
si be insomma un cavatappi elettrico!!!!!!!!
Ma io mi domando:  ma ce n'era realmente bisogno?
E con ciò non voglio dire che l'avvitatore in questione sia un prodotto poco utile, anzi (infatti non voglio fare il purista della propulsione umana ad ogni costo e sono il primo a ritenere che alcuni piccoli elettrodomestici siano insostituibili, primo tra tutti lo spazzolino da denti), ma quando è troppo è troppo.
Il gesto di aprire una bottiglia è qualcosa di romantico, un rituale, un atto di amore per il vino e di riconoscenza per coloro che per produrre quel vino hanno lavorato, un gesto che va compiuto rigorosamente con la forza delle nostre mani, con il cavatappi che più ci piace (e qui si è bello vedere come la tecnica si sia sbizzarrita) ma sicuramente "manuale".
Quello che i Guru del marketing si sono premurati di celare è il rumore che accompagna la stappatura con suddetto aggeggio, tanto da pensare di essere li ad avvitare qualche ripiano del mobiletto del bagno, e non di certo a gioire di un bel momento di convivialità. Vi pensate...   siete nel miglior ristorante accanto alla vostra lei più bella che mai, una soave musica soffusa vi allieta, allorquando giunge il sommelier con la bottiglia che avete scelto (che vi costa una settimana di lavoro), estrae l'avvitatore con aggeggio in resta e, una volta puntato il centro del tappo, inizia la perforazione diffondendo in sala il classico rumore stridulo e insistente. Oppure...  arriva quel vecchio amico che non vedevate da anni, correte in cantina a prendere quella bottiglia li per le grandi occasioni, passando dal garage prendete l'avvitatore, in cucina attaccate l'aggeggio che però, dopo i primi due giri vi abbandona con l'altrettanto noto rumore ad implorare la ricarica....
Insomma a quel punto e meglio il vin nel carton, o vin al catron come ripete sempre, per canzonarmi,  un mio amico svedese...
In ogni caso se decidete di acquistare suddetto aggeggio almeno ricaricatelo attaccandolo alla dinamo....      cin cin e auguri a tutti!
Giovanni Eupani
nel dubbio... Pedala! eretic
when in doubt... Spin!
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Re:Cavatappi "nucleare" 6 Anni 11 Mesi fa #98

  • paoloB
  • Avatar di paoloB
  • OFFLINE
  • velomobile
  • Messaggi: 157
  • Ringraziamenti ricevuti 3
  • Karma: 0
Questa mi mancava.... e il tagliaunghie a gasolio non lo vogliamo proporre?

Ero rimasto fermo alla grattugia elettrica... peccato di gioventù già peraltro confessato ampiamente in altra sede
(lista nozze). Mi sono bastate 3 ricariche nel giro di 1 mese* per mandarlo in pensione. Inoltre dopo due decenni di grattugia "lineare" con spargimento di formaggio su un raggio di 2 metri ho finalmente incontrato LA grattugia perfetta, a manovella, ed è stato subito amore... me la porterei dietro anche al ristorante se potessi
(tipo quella in figura solo che la mia è di plastica rossa, pochi euro al mercato).
Lo spazzolino da denti elettrico invece mi ha cambiato la vita in positivo e ritengo che per chi ha la sfortuna di avere smalto e gengive della mia stessa pessima qualità (eredità genetica incrociata a testimoniare come l'evoluzione proceda in modo assolutamente casuale) dà effettivi benefici. Ci sono le fatture del dentista, prima (tante) e dopo (poche), a dimostrarlo. Chi invece non ha particolari problemi non ha alcun motivo di abbandonare quello manuale (che comunque resta per me utile strumento da viaggio).
* Sì, sono un consumatore incallito di parmigiano, ne metto delle MONTAGNE e a più riprese anche sullo stesso piatto di pasta
PaoloB
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Tempo creazione pagina: 0.129 secondi